Che cos’e’ una piaga da decubito?

Per piaga da decubito (sinonimo di ulcera o lesione da decubito) si intende un danno al tessuto cutaneo, sottocutaneo e muscolare provocato dalla compressione, con conseguente alterazione della circolazione ematica, dell’apporto di ossigeno e di sostanze nutritive. La cute è costituita dall’epidermide (lo strato più superficiale di difesa contro gli agenti esterni), dal derma (a prevalente contenuto connettivale) e dal tessuto sottocutaneo (formato da cellule adipose, ghiandole, vasi sanguigni, terminazioni nervose). La piaga da decubito può interessare solo lo strato più superficiale della cute o estendersi fino al tessuto sottocutaneo; nei casi più gravi la lesione può raggiungere i muscoli, le ossa e le strutture articolari. Per meglio definire la diffusione dell’ulcera viene utilizzata una classificazione che divide le lesioni da decubito in 4 stadi.

Stadio 1 – Eritema (arrossamento) fisso con pelle intatta: un arrossamento cutaneo che non scompare nel giro di 24 ore dal rilascio della compressione (eritema non sbiancante) rappresenta una lesione da decubito allo stadio 1.

Stadio 2 – Perdita di spessore parziale della pelle, con interessamento dell’epidermide e/o del derma: la lesione si presenta come un’abrasione, una bolla o un cratere poco profondo.

Stadio 3 – Perdita di spessore totale della pelle, con interessamento di tutti gli strati cutanei (epidermide, derma, tessuto sottocutaneo): solitamente l’ulcera ha l’aspetto di un cratere.

Stadio 4 – Perdita di spessore totale della pelle con danneggiamento o distruzione del muscolo, dell’osso o delle strutture di supporto sottostanti (tendini, capsula articolare).

Autore: Dr. Mauro Menarini

Fonte: Blue Book – 200 risposte alla mielolesione